Colonna sonora

Niente fonti!
Questa voce o sezione sull'argomento generi musicali non cita le fonti necessarie o quelle presenti sono insufficienti.
Film da 16 mm che mostra una colonna sonora "area variabile" a destra

La colonna sonora è l'insieme di suoni che fanno parte di un film o più in generale di un'opera audiovisiva, ed è di solito divisa nelle tre categorie di voce, musica e rumori o effetti (il suono di un'opera composta da immagini e da un suono considerato invece negli aspetti tecnici è il sonoro).

In un'accezione più ristretta e impropria la colonna sonora è soltanto la musica di un'opera composta da immagini e da suoni: in questo senso è talvolta indicata con la sigla inglese (original soundtrack, "traccia sonora originale", dove "originale" indica che è stata composta espressamente per una determinata opera).

La colonna sonora è strutturata in modo che abbia un nesso logico con le immagini che si susseguono nei film o potrebbe anche solamente ispirarsi al tipo di musica che viene girata nel territorio in cui è registrato il film oppure potrebbe anche non avere un nesso logico.

A livello materiale, infine, la colonna sonora è l'area della pellicola cinematografica in cui è registrato il suono.

Le sole musiche di un film (che siano originali o meno) in gergo tecnico cinematografico vengono dette anche "colonna musicale".

Etimologia

Il termine "colonna sonora" è nato in ambito cinematografico, dove il suono spesso è registrato sulla pellicola cinematografica in senso longitudinale in un'area ben delimitata, otticamente o, più di rado, magneticamente, che può essere chiamata "colonna".

Per estensione per colonna sonora s'intendono i contenuti sonori registrati in tale area, significato che in seguito è diventato quello più utilizzato e conosciuto e che si è esteso a una qualunque opera composta da immagini e da suono.

Cinema

Precedentemente all'innovazione tecnica del sonoro,I film muti di particolare rilevanza e successo erano proiettati con un accompagnamento musicale eseguito in diretta da un'orchestra presente in sala, o più spesso con un accompagnamento al pianoforte. Le musiche eseguite erano però musiche di repertorio, senza particolari legami con il film, non pensate e composte espressamente.[1]

La prima colonna sonora espressamente realizzata per un film fu scritta per il Film Cabiria del 1914, ad opera dei compositori Ildebrando Pizzetti e Manlio Mazza[2]. Il film , proiettato negli USA nel 1915, fu talmente apprezzato da spingere alla realizzazione di un accompagnamento musicale anche per il film The birth of a nation del 1916, prima colonna sonora (realizzata da Joseph Carl Breil) per un film statunitense[3], mentre la vendita di colonne sonore di film divenne la norma a partire dagli anni trenta.

Alcune musiche per film sono rimaste memorabili nella storia del cinema. Alcuni sodalizi celebri tra compositori e registi sono diventati tratto distintivo della filmografia di questi ultimi: si pensi a Sergej Prokofiev per Sergei Eisenstein, Bernard Herrmann per Alfred Hitchcock, Nino Rota per Federico Fellini, Piero Piccioni per Francesco Rosi ed Alberto Sordi, Armando Trovajoli per Dino Risi ed Ettore Scola, Ennio Morricone per Sergio Leone e per Giuseppe Tornatore, Danny Elfman per Tim Burton, John Williams per Steven Spielberg e per George Lucas, Zbigniew Preisner per Krzysztof Kieślowski, Joe Hisaishi per Hayao Miyazaki, Nicola Piovani per Roberto Benigni o Angelo Badalamenti per David Lynch e Hans Zimmer per Christopher Nolan.

Psicologia della musica: studi sulle colonne sonore

Dal finire degli anni '80 del 900, la psicologia cognitiva e la psicologia della musica hanno iniziato a occuparsi dell'impatto che la colonna musicale ha sull'interpretazione di stimoli audiovisivi. La psicologa canadese Annabel J. Cohen è stata tra i primi a studiare in maniera sistematica la relazione tra musica ed immagini nell'interpretazione di brevi video animati [4]. Studi empirici più recenti hanno dimostrato che la colonna musicale costituisce molto più che un mero accessorio emotivo[5]; al contrario, la musica è in grado di alterare radicalmente l'empatia che lo spettatore prova per i personaggi in scena, le emozioni ad essi attribuiti, la valutazione dell'ambiente scenico e le anticipazioni sulla trama[6]. In più, studi che utilizzano la tecnica del tracciamento oculare (eye-tracking) e della pupillometria hanno dimostrato che la musica è in grado di influenzare sia la direzione dello sguardo che la dilatazione pupillare[6][7][8]. Recentemente, nuovi esperimenti hanno dimostrato che la colonna sonora può di alterare la percezione del tempo durante la visione di una scena [9][10] e anche la memoria che gli spettatori conservano degli oggetti e dei personaggi visti[11][12].

Videogiochi

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Musica per videogiochi.

Nei videogiochi inizialmente le colonne sonore venivano prodotte dallo stesso team di sviluppo del software. In seguito le case di produzione si sono affidate ad artisti esterni, alcuni dei quali molto rinomati e provenienti spesso dal cinema. Le colonne sonore solitamente sono pubblicate su CD o messe in vendita su canali di distribuzione online.

Proprio come nella storia del cinema, alcune colonne sonore videoludiche hanno ricevuto valutazioni e giudizi estremamente positivi da parte di vari siti web e riviste.[13] Questa è la lista dei videogiochi lodati per le loro colonne sonore:

Tra queste, la colonna sonora di Final Fantasy VI è stata nominata dai siti web Soundtrack Central e GameSpot la migliore dei videogiochi.[13][17]

Etichette italiane per dischi di colonne sonore (1960-2004)

Etichette italiane specializzate in colonne sonore

Note

  1. ^ Cabiria - KOLOSSAL A CONFRONTO, su web.archive.org, 19 maggio 2020. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2020).
  2. ^ Copia archiviata, su web.archive.org. URL consultato il 24 febbraio 2022 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2007).
  3. ^ (EN) Martin Miller Marks, Music and the Silent Film: Contexts and Case Studies, 1895-1924, Oxford University Press, 13 febbraio 1997, ISBN 978-0-19-536163-6. URL consultato il 24 febbraio 2022.
  4. ^ (EN) Annabel J. Cohen, Congruence-Association Model of music and multimedia: Origin and evolution, su academic.oup.com. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  5. ^ (EN) Ann-Kristin Herget, On music’s potential to convey meaning in film: A systematic review of empirical evidence, in Psychology of Music, vol. 49, n. 1, 2021-01, pp. 21–49, DOI:10.1177/0305735619835019. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  6. ^ a b Alessandro Ansani, Marco Marini e Isabella Poggi, How Soundtracks Shape What We See: Analyzing the Influence of Music on Visual Scenes Through Self-Assessment, Eye Tracking, and Pupillometry, in Frontiers in Psychology, vol. 11, 7 ottobre 2020, pp. 2242, DOI:10.3389/fpsyg.2020.02242. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  7. ^ (EN) Ann-Kristin Wallengren e Alexander Strukelj, Film Music and Visual Attention: A Pilot Experiment using Eye-Tracking, in Music and the Moving Image, vol. 8, n. 2, 1º luglio 2015, pp. 69–80, DOI:10.5406/musimoviimag.8.2.0069. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  8. ^ (EN) Miguel Mera e Simone Stumpf, Eye-Tracking Film Music, in Music and the Moving Image, vol. 7, n. 3, 1º ottobre 2014, pp. 3–23, DOI:10.5406/musimoviimag.7.3.0003. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  9. ^ (EN) Alessandro Ansani, Marco Marini e Luca Mallia, Music and Time Perception in Audiovisuals: Arousing Soundtracks Lead to Time Overestimation No Matter Their Emotional Valence, in Multimodal Technologies and Interaction, vol. 5, n. 11, 29 ottobre 2021, pp. 68, DOI:10.3390/mti5110068. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  10. ^ Xinyue Wang e Clemens Wöllner, Time as the ink that music is written with: A review of internal clock models and their explanatory power in audiovisual perception, in Jahrbuch Musikpsychologie, vol. 29, 1º luglio 2020, pp. e67, DOI:10.5964/jbdgm.2019v29.67. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  11. ^ (EN) Marilyn G. Boltz, Musical Soundtracks as a Schematic Influence on the Cognitive Processing of Filmed Events, in Music Perception, vol. 18, n. 4, 1º giugno 2001, pp. 427–454, DOI:10.1525/mp.2001.18.4.427. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  12. ^ (EN) Alessandro Ansani, Marco Marini e Isabella Poggi, Recognition memory in movie scenes: the soundtrack induces mood-coherent bias, but not through mood induction, in Journal of Cognitive Psychology, 24 agosto 2022, pp. 1–17, DOI:10.1080/20445911.2022.2116448. URL consultato il 14 ottobre 2022.
  13. ^ a b c d e f g h i (EN) A History of Video Game Music, su GameSpot. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  14. ^ a b (EN) Best Gaming Soundtracks, su Michigandaily.com. URL consultato il 27 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2009).
  15. ^ a b (EN) Top 10 Video Game Soundtracks, su Leviathyn. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  16. ^ (EN) Brett Elston, Game music of the day: Streets of Rage, su GamesRadar, 4 dicembre 2010. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  17. ^ a b c d e (EN) All-Time Best Game Soundtracks, su Soundtrack Central. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  18. ^ (EN) Top 1 0 Gaming Soundtracks, su superphillipcentral.com. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  19. ^ (EN) RPGFan Music - Final Fantasy VI OSV, su RPGFan.com. URL consultato il 27 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2014).
  20. ^ (EN) Final Fantasy Chronicles Review, su IGN, 18 luglio 2011. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  21. ^ (EN) RPGFan Music - Chrono Trigger OSV, su RPGFan.com. URL consultato il 27 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2011).
  22. ^ (EN) The Legend of Zelda: Ocarina of Time Original Soundtrack, su Allmusic.com. URL consultato il 27 dicembre 2014.
  23. ^ (EN) RPGFan Music - Xenogears OST, su RPGFan.com. URL consultato il 12 giugno 2021 (archiviato dall'url originale il 20 ottobre 2018).
  24. ^ (EN) RPGFan Music - Chrono Cross OST, su RPGFan.com. URL consultato il 27 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2011).

Bibliografia

  • Sergio Miceli, Musica per film : storia, estetica, analisi, tipologie, Milano, Ricordi, 2009, ISBN 9788875928636.
  • Cristina Cano, La musica nel cinema : musica, immagine, racconto, in Piccola biblioteca delle arti, Roma, Gremese, 2002, ISBN 88-8440-175-5.

Voci correlate

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 16208
  Portale Cinema
  Portale Musica
  Portale Televisione